Rimini e TBDI: partire è un po' morire



Leggo un po' ovunque sulla mia bacheca post che parlano di Rimini, di TBDI, di chi sta per partire, di chi ha deciso di restare dei perché e dei percome...

E poi penso a me, penso alla sera in cui ho compilato insieme a mio marito il form per scommessa e per divertimento. Un po' per ridere e un po' per mettermi in gioco seriamente.
Deridendo me stessa ed il mio piccolo insignificante blog che parla di camper....

E poi pochissimi giorni fa arriva la mail: abile ed arruolata!
...secondo me hanno sbagliato...
Ma poi no, non hanno sbagliato....è il mio nome quello che c'è scritto....

Entusiasmo, incredulità, mille dubbi e un po' di paura...
Chiedo ad una amica virtuale: eddai...e chi se lo caga un blog di camper.....
Lei con affetto mi "rimprovera" e mi culla con delle parole che mi rassicurano e mi dicono che prima di tutto è il sogno che dobbiamo rincorrere, tutto il resto viene dopo.
E ha ragione. 
Anche il mondo virtuale ha un cuore e sono possibili strade in cui un consiglio affettuoso arriva dritto al cuore pur passando attraverso lo schermo di un PC

E allora che si fa? Si parte? Ma è con altro che devo fare i conti...
E' con questa comunicazione arrivata all'ultimissimo momento che mi devo confrontare per far quadrare tutto...
E' con la solita vocina delle responsabilità che guardo a Rimini e a tutto quello che rappresenta.
Fosse solo arrivata un po' prima quella comunicazione mi sarei organizzata...

E un po' brucia dirsi: non posso mollare tutto qui senza "preavviso". 
Loro hanno bisogno di me....è la voce di mamma che parla e si insinua nei pensieri e ti convince che, come sempre, bisogna scegliere.

Non è mai una rinuncia che ti annienta, è piuttosto una rinuncia che darà senso a qualcosa (che ancora non conosco) e che sceglierò invece di fare chiedendo loro, in quel caso, di rinunciare per me.

La famiglia, i compiti, la piscina di una, le lezioni di canto dell'altra, la festa di compleanno dell'amichetto...una mamma (blogger) si confronta anche con questo. 

E alle volte è necessario gettare le armi...

Rimini val bene "prendi la valigia e scappa"?
Non lo so, mi consolerò mangiando piadina seduta sul divano ma avrò assolto il mio compito con devozione ed affetto.

Perché due per tre fa cinque....non fa una piega....

Etichette: